Fiorista

I fiori hanno mille significati, regalare un fiore è anche un modo per lanciare un messaggio preciso. Ci sono fiori adatti ad ogni occasione: per dichiararsi, per esprimere passione, possesso, gelosia, tenerezza. I fiori hanno un loro linguaggio, che può essere utile nel momento in cui non troviamo le parole…Ecco perchè è importante trovare la giusta sintonia tra il significato di un fiore e la sua composizione.

L’addobbo floreale e’ un elemento importante e fondamentale, che contorna il vostro giorno creando un’atmosfera romantica e perfetta in ogni dettaglio.Quindi l’allestimento va fatto in perfetta sintonia con gli sposi realizzando con maestria ed estrosita’, qualsiasi ambiente utilizzando drappeggi, tappeti, sedie e accessori vari, per rendere un’ambientazione perfetta, creando un giorno unico e indimenticabile.

 

 

 

“Lo stile delle composizioni floreali si deve abbinare al luogo in cui vengono inserite”

I fiori accompagnano gli sposi in tutti i momenti “clou” dell’intera cerimonia  a casa, in chiesa, in comune, sul luogo del ricevimento ( ville per matrimoni ),in auto e naturalmente tra le mani della sposa ; in virtù della loro naturale bellezza, comunicano sentimenti

I fiori, si candidano ad essere in quel giorno, accanto agli sposi, i protagonisti indiscussi del “grande evento”; per questo motivo, è molto importante che, alla esecuzione del loro allestimento provvedano solo fioristi esperti in grado di eseguire veri e propri capolavori dal contenuto artistico nella scelta dei colori, delle forme e delle proporzioni, disponendo loro di tutti gli accorgimenti e di tutta l’esperienza necessaria al compimento dell’opera.ed emozioni, aggiungendo un tocco di freschezza e di colore ad una giornata davvero “speciale”, dando insomma, più in generale, un

prezioso contributo alla particolare atmosfera del matrimonio al fine di renderla, naturalmente, sublime e festosa.

A tale scopo, perché possa realizzare un risultato ottimale, il fiorista va scelto con almeno 3 mesi di anticipo avendo cura, naturalmente, di renderlo edotto su tutti i particolari riguardanti:

Il tipo di cerimonia (semplice – classica – moderna )

I luoghi della cerimonia (Casa della sposa, Chiesa: l’architettura/gli spazi/le dimensioni/lo stile/ luogo del ricevimento );

Il colore del vestito della sposa (da ricordare che anche la tonalità del bianco è importante);

Il periodo in cui si celebra il matrimonio: (per una scelta indovinata del fiore di stagione poiché, se è vero che le coltivazioni di serra garantiscono la disponibilità di quasi tutti i tipi di fiore in qualsiasi stagione ci si trovi, è pur vero che è sempre preferibile muoversi nel ventaglio di quelli disponibili nel periodo in cui si decide di celebrare il proprio matrimonio se davvero si desidera creare una sintonia perfetta con il clima e con il paesaggio circostante – oltre ad un risparmio sostanziale nel portafoglio!-).

Da esperto professionista, il fioraio, per agevolare gli sposi nella scelta dei fiori delle varie composizioni, potrà decidere di mostrare loro le fotografie di alcune sue precedenti creazioni contribuendo, altresì, a fornire agli stessi, una garanzia ulteriore della propria bravura professionalità e creatività.

Nella scelta dettagliata dei fiori insieme al fiorista si consiglia, inoltre, di fare un elenco preciso dei luoghi che si desiderano addobbare indicando il tipo inoltre le tipologie di composizioni che si desidera far realizzare avendo poi cura di precisare ancora, naturalmente, anche i colori e le sfumature che più si preferiscano.

Per le composizioni:

In base all’ambiente e al tipo di cerimonia, si è aggiunto anche l’utilizzo di frutti e piante verdi, in gradoni offrire soluzioni alternative al “solito fiore” nel caso in cui, risulti impossibile il reperimento di quelli prescelti, tenendo comunque ben presente che, in questo caso più che mai, il linguaggio dei fiori ha naturalmente, il suo significato!

 

Qualche nostro piccolo suggerimento “in materia”, pertanto, non guasterebbe:
in questa sede, è preferibile evitare le margherite e, soprattutto, le orchidee che, insieme al giacinto sono fiori non propriamente indicativi di “castità” assumendo quindi, un significato diametralmente opposto ai classici fiori d’arancio che da tradizione millenaria accompagnano le spose sull’altare simboleggiando, viceversa, “fecondità e purezza”; è bene inoltre evitare le rose gialle che indicano “gelosia” e ancora (ma solo per più prosaici motivi di praticità) i pur bellissimi gigli i cui pistilli potrebbero sporcare in maniera irreparabile gli abiti degli sposi e degli invitati.

A questo punto, si potranno scegliere liberamente i fiori che più si amano (avendo quasi tutti gli altri, un dolce significato) o quelli dal profumo più gradevole considerando ancora, che tra i fiori prescelti da tutte le spose più romantiche, non può certo mancare la rosa che, riassume in sé, molteplici significati: simbolo di bellezza, amore, gioia, passione, fedeltà, speranza e dolcezza. Da prediligersi in tutte le sue infinite varietà e sfumature (tranne il giallo, ovviamente), essa si presta agevolmente a composizioni sempre molto originali e diversissime fra loro.

E ancora,da preferire è il delicato tulipano, antico “emblema delle dichiarazioni d’amore”; disponibile in gran parte dell’anno (soprattutto dalla fine di gennaio alla fine di aprile, ma oggi si trova anche in autunno) e la varietà più utilizzata è quella francese dal gambo lungo e dal bocciolo allungato oppure, quella dal gambo corto e dal fiore simile ad una peonia. Il gioioso girasole, prediletto soprattutto da chi ama la spontaneità, è un fiore che trasmette grande senso di vitalità e simboleggia allegria ed orgoglio; i loro colori e la loro bellezza grafica poi, li rendono perfetti per un matrimonio estivo e campestre. L’esuberante peonia è perfetta negli addobbi nelle sue varietà di rosso porpora; infine i fiori di pesco che si armonizzano perfettamente all’aggiunta di spighe di grano che costituiscono un “simbolo propiziatorio” per la buona riuscita del matrimonio.

Ultimata definitivamente (sulla carta) la scelta dei fiori per la cerimonia, è infine utile per gli sposi chiedere al fiorista un preventivo spese che, potrebbe tra l’altro notevolmente “alleggerirsi” qualora gli sposi decidessero (saggiamente) di usufruire dello stesso addobbo utilizzato da altre coppie che, eventualmente, si sposeranno in quel luogo nello stesso giorno, premettendo ovviamente, accordi ben precisi con le altre coppie (per quel riguarda i colori e lo stile della cerimonia), e con il parroco al fine di verificare se esistono, in proposito, determinate regole da rispettare (generalmente, infatti, la chiesa lascia agli sposi la scelta del fiorista, ma è anche possibile, viceversa che, in determinati casi, la chiesa prescelta dagli sposi, non permetta l’ingresso di fioristi esterni, potendo esse già usufruire, di un loro fornitore).
E’ inoltre buona regola fornire al fiorista tutti gli indirizzi, i numeri telefonici nonché, l’indicazione dei tempi e degli orari precisi per l’allestimento degli addobbi floreali nei diversi ambienti della cerimonia.

L’ADDOBBO FLOREALE IN CHIESA

L’addobbo in chiesa costituisce il lavoro più delicato e, se vogliamo, più importante per il fiorista che dovrà “misurarsi”, nel dare “libero sfogo” alle proprie creazioni artistiche, tenendo in debito conto dell’architettura del luogo sacro nonché, tenendo in considerazione, la caratteristica illuminazione degli spazi e degli ambienti fregiati dai suggestivi giochi di luce studiati e progettati, in molti casi, addirittura secoli fa, dalle menti creative di grandi artisti e che, agli spazi e ai volumi, danno un carattere ben preciso e definito e ove, pertanto, la scelta di un fiore o di una composizione anche solo dalla tonalità sbagliata, potrebbe rivelarsi una nota decisamente stonata

 

In chiesa dunque, non dovrebbero mai mancare un bel cesto sull’altare maggiore ove verrà celebrato il rito nuziale, una composizione più grande alla sua base davanti agli sposi e alcune piccole sulle balaustre.
Si potranno poi adornare l’eventuale cappella più importante (se presente e prescelta per motivi devozionali), le panche della navata principale, quelle della zona del coro (se presente), l’ingresso purché, non sia già valorizzato diversamente
Lo stile delle composizioni floreali deve abbinarsi, naturalmente, alla grandezza e allo stile artistico della chiesa stessa; perciò:
mentre le chiese di piccole dimensioni esigono piccole e discrete composizioni che rispettino ed esaltano i colori dell’ambiente;
chiese più grandi possono “sminuire” le piccole creazioni e quindi, richiamano piante, tralci o composizioni floreali senz’altro più sontuose.

In relazione allo stile poi, per una chiesa Romanica, si potrà prediligere, una creazione che si adatti alla essenzialità del luogo con fiori semplici e non troppo abbondanti, mentre per una chiesa antica ma dallo stile barocco, è preferibile orientarsi verso scenari più suggestivi e romantici, con arredi e drappeggi “in stile” particolarmente curati. In una cattedrale quindi, l’addobbo dovrà essere necessariamente ricco e festoso per non scomparire nella maestosità delle sue mura.
In una chiesa dallo stile moderno, con la fantasia dei fiori e la complicità degli sposi si possono sperimentare soluzioni alternative anche se, è preferibile visivamente scegliere composizioni floreali verticali. Infine, per una romantica chiesetta di campagna, si suggeriscono addobbi e allestimenti molto semplici, magari composti oltre che da fiori in tinte pastello, anche da spighe di grano, nastri colorati, edera e frutta di stagione.

Un ultimo consiglio riguarda poi gli sposi che abbiano idee precise e alternative, alle classiche composizioni floreali: in questi casi è preferibile scegliere un giorno meno popolare (evitare, ad esempio, il sabato) così da poter decorare la chiesa come meglio si desidera.

 IN MUNICIPIO

La presenza dei fiori, anche se più ridotta e discreta rispetto alla chiesa, è comunque indispensabile per dare un tocco di colore e di allegria ad un tipo di cerimonia di per sé meno suggestiva, come quella officiata dal Sindaco o da altro Ufficiale comunale e per la quale (data la frequenza ormai quasi quotidiana delle celebrazioni con rito civile) attualmente, la maggior parte dei comuni prevede una composizione floreale già preparata.

Tuttavia è naturalmente prevista anche la possibilità di abbellire la sala scegliendo fiori propri, non prima però di aver trovato un accordo con il comune, in quanto, data l’esiguità di tempo a disposizione tra un rito e l’altro, bisognerà assicurare una perfetta sincronia nella sistemazione dei fiori da parte del fiorista che, per non disturbare le altre cerimonie che si svolgono nello stesso giorno, non potrà che dedicare qualche minuto a questa operazione.

 

 

In ogni caso, per questo tipo di ambiente, la soluzione ideale è quella di adagiare una composizione di fiori in basso rilievo (oppure una ghirlanda) davanti al tavolo di fronte al quale si siedono gli sposi, due composizioni più alte sui lati del tavolo, ed una all’’ingresso e infine, forgiare di piccoli e discreti mazzolini di fiori, dalle forme e dai colori delicati, le sedie degli invitati che, volendo poi le signore potranno portare con sé come gentile omaggio.

 

LUOGO DEL RICEVIMENTO

Anche in questo ambiente, l’addobbo floreale dipende dal tipo di architettura delle sale, dall’allestimento dei tavoli e soprattutto, dal tipo di arredamento.
In ogni caso due importanti fattori sono da valutare:
innanzitutto, il tema floreale deve richiamare quello scelto per la chiesa e per il bouquet;
l’alloggiamento: infatti, le composizioni dovranno essere necessariamente raccolte e posizionate in basso affinché non siano di ostacolo alla vista e ai movimenti degli ospiti e del personale: in tal senso, si consiglia di fissare un appuntamento con la direzione del ristorante (villa o castello) prima del grande giorno per preparare i fiori e non creare problemi nell’organizzazione dei tavoli.


Per gli interni di solito è prevista una composizione floreale grande appena dentro l’entrata del locale; un centrotavola più “importante” da riservare al tavolo del buffet e, se questo è molto lungo, anche due composizioni più piccole per le estremità.
I singoli tavoli invece, dovranno fregiarsi solo con piccoli e sobri cestini di fiori adeguati alla loro misura: né troppo piccoli ( per non rischiare che bottiglie e bicchieri li sovrastino), né troppo grandi (per evitare che siano d’ intralcio alla conversazione dei conviviali).
Un’ idea più carina potrebbe essere quella di far creare dal fiorista (che sia abile anche nelle”mini composizioni”), dei minuscoli bouquet come fregio e supporto dei segnaposto o, piuttosto, quella di adagiare, semplicemente sul menù, un solo fiore (di solito quello preferito dalla sposa …).


Spesso poi, i fiori sono utilizzati per decorare la torta nuziale, posizionati dentro un vaso d’argento o, più semplicemente, sparsi delicatamente sulla torta. Una bella alternativa è quella di porre sulla torta un unico fiore purché sia un tipo di fiore che si possa stendere piatto: a questa operazione, per esempio, si adatta benissimo una rosa senza gambo o una margherita.
Se il pranzo o il buffet si tiene invece (secondo una tendenza molto in voga) in una casa di campagna con giardino o in una villa con parco, è sufficiente far sistemare le piante e i fiori esistenti da un esperto giardiniere, qualora però il risultato non fosse ancora soddisfacente, si può decidere di aggiungere delle ciotole o alberelli presi in affitto (possono essere anche gli stessi usati in chiesa o in municipio, purché i tempi a disposizione consentano un agevole trasporto). E nelle serate estive, il “MUST DEI NEW AGE” , sono le piccole candele di citronella che, adagiate lungo i sentieri del parco scelto per il banchetto circondate dall’erba e dai fiori naturali dei giardini, conferiscono un tocco di magia ad ogni tipo di ambiente (oltre ovviamente, ad allontanare i tanto temuti e odiati insetti notturni).

 

L’ADDOBBO IN AUTO

Pochi ma, essenziali suggerimenti, per l’addobbo dell’auto degli sposi: anch’esso, innanzitutto, dovrà intonarsi totalmente alla cerimonia e, naturalmente, al modello del veicolo prescelto per il trasporto dei novelli. Se la scelta cade sulla classica carrozza con cavalli, i fiori dovranno essere molto romantici semplici, ed essenziali data l’importanza intrinseca del mezzo stesso;
per le auto d’epoca e per le berline vale, in sostanza, un discorso simile: un’unica composizione più grande che verrà adagiata in alto sul retro dei sedili posteriori (allo scopo di renderla visibile per gli scatti delle foto e per i passanti che potranno così applaudire i novelli sposi!) e, a discrezione, una più piccola da sistemare sul cruscotto (lato passeggero).
Per le auto più moderne e sportive o anche spiritose invece, non esistono regole precise: saranno gli sposi stessi a personalizzarle (con fiori e nastro) in base al proprio gusto a al proprio piacimento ma sempre con la supervisione di un fiorista esperto.

 


I FIORI NELL’ACCONCIATURA

La sposa più romantica può scegliere un’acconciatura composta anche da fiori.
Un’acconciatura scelta con gusto può creare un effetto particolare e in tal senso, determinate è il consiglio del parrucchiere che dovrebbe essere in grado di suggerire quale tipo di acconciatura sia la più adatta ad armonizzarsi con il vestito ed il bouquet.
I fiori, naturalmente, data la loro delicatezza, devono essere curati e non stropicciati durante il matrimonio per non rovinare il loro effetto. Consigliamo fiori che non si disseccano soprattutto se il matrimonio si svolge in estate; la soluzione ideale per ovviare a questo problema è la scelta di un’acconciatura con fiori in seta dalle nuances tenui e delicate o in altri tessuti. Questi fiori avranno un grande aspetto per tutto il giorno e possono anche essere tenuti come souvenir a fine cerimonia.

 

 

UN GENTILE DONO PER GLI INVITATI

Potrebbe risultare una cosa gradita provvedere anche ai fiori per gli invitati offerti gentilmente dalla sposa stessa prima dell’inizio della cerimonia.
Per gli uomini (padre degli sposi – testimoni – parenti stretti e amici più cari) si intonerà bene il classico garofano bianco, una gardenia, una camelia (di solito fornite dal fiorista con la stemma già coperta, perché durino di più e siano più facili da attaccare al vestito), un altro fiore componga il bouquet (purché diverso per colore e dimensioni) da porre all’occhiello. Per le signore ( madri degli sposi – testimoni – parenti strette – amiche più care ) si potranno scegliere mazzolini di piccoli bouquet, compatti e leggeri, simili ma in contrasto nei colori e nelle tonalità con il bouquet della sposa.

 

IL BOUQUET E’ UNO DEGLI ACCESSORI PRINCIPALI DELLA SPOSA.

L’acquisto del bouquet della sposa è a carico dello sposo, che si preoccuperà di farglielo consegnare dal fioraio o da un suo testimone la mattina delle nozze o, in alternativa, sarà lui stesso a consegnarglielo all’ingresso della chiesa. Per tradizione il bouquet rappresenta infatti l’ultimo regalo da fidanzati che la coppia si scambia.

Da sempre simbolo di nozze, il bouquet è quell’oggetto che le spose terranno con loro per tutta la cerimonia, sia essa religiosa che civile. Proprio per il suo continuo e stretto contatto con la sposa, quindi, il bouquet dovrà assolutamente essere in armonia con il colore e il modello dell’abito della sposa. Prima di scegliere il bouquet sarà quindi necessario dare al fioraio almeno una foto del vestito.
Questo è l’unico consiglio che ci sentiamo di darvi in merito alla scelta di questo accessorio fondamentale: andando un po’ controtendenza, non vi vogliamo dare regole generali per la scelta del bouquet della sposa come :”se la sposa è alta.., se è magra.., se è slanciata..”
La sola indicazione che vi diamo è di scegliere esclusivamente in base al vostro gusto e al vostro carattere, perché il bouquet è l’elemento, dopo il vestito, che più rappresenta la vostra personalità. Vi sono infatti numerosissime forme del bouquet da prendere in considerazione: tondo e compatto, composto da fiori piccoli, a mazzo, a cascata, a grappolo, a fascio appoggiato su un braccio o anche un unico fiore decorato da nastri. Se siete delle spose estrose, potrete inoltre arricchire il vostro bouquet tradizionale con gemme, fili di perle, piume o frutti.

Alcuni consigli di natura pratica sul bouquet:

Bouquet di rose per il matrimonio

  • i fiori scelti non dovranno avere colori che possano macchiare gli abiti da sposa;
  • dovrà essere composto da fiori che possano durare per tutta la giornata senza appassire;
  • dovrà possedere un’impugnatura maneggevole e adeguata alle mani della sposa;
  • non dovrà essere troppo pesante.

Un’idea carina potrebbe essere quella di considerare la possibilità di mantenere una tradizione familiare e di onorare la madre o la nonna portando gli stessi fiori che scelsero per il loro bouquet.

È tradizione che all’uscita della chiesa o, ad oggi più di frequente, alla fine del ricevimento matrimonio avvenga il lancio del bouquet. La sposa cioè girerà le spalle ad un gruppo di invitate, tutte ancora nubili, e lancerà alla cieca il suo bouquet: si dice che la ragazza che riuscirà a prenderlo sarà la prima a sposarsi.
In alternativa, la sposa potrà regalarlo alla sua migliore amica oppure dividerlo in tanti mazzettini da donare a tutte le invitate single. Se si vuole conservare il bouquet come ricordo, invece, questo dovrà essere fatto essiccare appendendolo a testa in giù in un luogo fresco, asciutto e buio. Se si vuole mantenere la tradizione del lancio del bouquet senza rinunciare a mantenere il ricordo, si potrà invece sfilare qualche fiore e conservare solo questi oppure farsene confezionare uno in più dal fiorista esclusivamente per il lancio.

Vedi alcuni esempi di bouquet da sposa

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

You must belogged in to post a comment.